Perché il Pilates nel nostro Studio di Personal Training

Il benessere fisico è il primo requisito per la felicità. Per “benessere fisico” intendiamo il raggiungimento e il mantenimento di un corpo sviluppato in maniera uniforme, con una mente salda pienamente capace di svolgere con gusto e piacere spontanei i nostri compiti quotidiani, numerosi e diversificati, in maniera naturale, semplice e soddisfacente. Per raggiungere la massima realizzazione nell’ambito delle nostre capacità in tutti i percorsi di vita dobbiamo sforzarci di ottenere una corporatura forte e sana e di sviluppare la nostra mente nei limiti delle nostre facoltà. Questo mondo che progredisce molto rapidamente, con il suo ritmo di vita sempre più veloce, ci richiede di essere fisicamente in forma e vigili al fine di riuscire nell’incessante corsa con la spietata concorrenza che premia chi si dà da fare ma lascia indietro chi “nulla stringe”. 

Il benessere fisico non può essere ottenuto né credendoci perché lo si desidera intensamente, né mediante un unico sforzo. Comunque, il benessere fisico può essere raggiunto svolgendo gli esercizi giornalieri concepiti a tal fine dal fondatore di Contralogy (Pilates), i cui metodi unici realizzano questo risultato auspicabile, neutralizzando in maniera efficace i condizionamenti intrinsecamente dannosi che la moderna civiltà porta con sé.

Nell’età della pietra, e anche in seguito, l’uomo viveva per lo più all’esterno, proteggendosi assai poco dagli elementi. Non ha vissuto ancora abbastanza a lungo al chiuso al riparo dagli elementi per essere capace di far fronte con successo agli sforzi quotidiani e agli stress impostigli dal nostro attuale modo “veloce” di vivere. Ciò spiega perchè noi — io e tutti quanti voi — siamo costretti nel nostro interesse a volgere costantemente il pensiero al miglioramento del corpo e a dedicare sempre più tempo per raggiungere e mantenere l’obiettivo importantissimo del benessere fisico.

Tratto dal libro originale di Joseph Pilates “Ritorno alla vita”

Questo è il brano con cui William John Miller introduceva la pubblicazione del 1945 con cui Joseph Pilates spiegava i principi fondamentali di quello che oggi è il Mat Work, cioè il lavoro a corpo libero del suo metodo e che allora si chiamava “Contralogy”. Esso spiega benissimo perché ho deciso di introdurre questa attività nel mio studio di Personal Training: Mind&Body Suite . Come non smetterò mai di ripetere nessun risultato è ottenibile ed in maniera duratura se non si ristabilisce almeno una minima relazione ed un equlibrio tra due delle parti che compongono l’essere umano: Mente e Corpo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *